Solitamente si è inclini a pensare al dimagrimento come ad una questione che interessa il grasso in eccesso, concetto che tende a rimanere un po' ambiguo sia per gli utenti alle prime armi sia per i più informati sul settore del fitness.   
La cattiva informazione, la confusione su ciò che va etichettato genericamente sotto il termine “grasso” - senza distinguere le varie componenti corporee come la FM(Fat mass), la FMM (Fat-free mass), la TBW (Total body water) – portano alla scelta di piani alimentari mirati ad un immediato calo del peso. Spesso si opta per la soluzione più veloce, perché vengono mal interpretati i reali bisogni del proprio corpo. La semplificazione è la peggior premessa su cui basare una dieta sana e un adeguato allenamento.
Per una corretta impostazione del fabbisogno nutrizionale si deve passare necessariamente attraverso la stima dei bisogni energetici e nutrizionali, che variano a seconda del soggetto: le variabili che determinano la composizione corporea sono svariate, come il sesso, l'età, lo stato nutrizionale, lo stato idroelettrolitico, la distribuzione del tessuto adiposo, e patologie.

La conoscenza della propria composizione corporea dà modo di osservare la propria condizione di partenza e di analizzarla seguendo dei parametri molto precisi e accurati che vadano oltre la superficiale insoddisfazione estetica: un'anamnesi completa terrà conto ad esempio dell'idratazione dei tessuti, della ripartizione dei fluidi intra- ed extra cellulare, della composizione dei chili persi.

L'analisi della composizione corporea dunque non è altro che un approfondimento dell'indagine che non si accontenta di monitorare solo la componente adiposa.

Si tratta di una vera e propria ricerca clinica focalizzata sui diversi compartimenti corporei, come l'acqua corporea totale, acqua intra- ed extra-cellulare, massa grassa, massa magra, minerali totali, massa metabolicamente attiva.

Qui di seguito sono elencati alcune delle principali metodiche per una corretta valutazione della composizione corporea, messe a vostra disposizione:

 
  • BIVA
  • Plicometria
  • Calorimetria indiretta
  • Holter metabolico
 

Solitamente si è inclini a pensare al dimagrimento come ad una questione che interessa il grasso in eccesso, concetto che tende a rimanere un po' ambiguo sia per gli utenti alle prime armi sia per i più informati sul settore del fitness.   

La cattiva informazione, la confusione su ciò che va etichettato genericamente sotto il termine “grasso” - senza distinguere le varie componenti corporee come la FM(Fat mass), la FMM (Fat-free mass), la TBW (Total body water) – portano alla scelta di piani alimentari mirati ad un immediato calo del peso. Spesso si opta per la soluzione più veloce, perché vengono mal interpretati i reali bisogni del proprio corpo. La semplificazione è la peggior premessa su cui basare una dieta sana e un adeguato allenamento.

Per una corretta impostazione del fabbisogno nutrizionale si deve passare necessariamente attraverso la stima dei bisogni energetici e nutrizionali, che variano a seconda del soggetto: le variabili che determinano la composizione corporea sono svariate, come il sesso, l'età, lo stato nutrizionale, lo stato idroelettrolitico, la distribuzione del tessuto adiposo, e patologie.

La conoscenza della propria composizione corporea dà modo di osservare la propria condizione di partenza e di analizzarla seguendo dei parametri molto precisi e accurati che vadano oltre la superficiale insoddisfazione estetica: un'anamnesi completa terrà conto ad esempio dell'idratazione dei tessuti, della ripartizione dei fluidi intra- ed extra cellulare, della composizione dei chili persi.

L'analisi della composizione corporea dunque non è altro che un approfondimento dell'indagine che non si accontenta di monitorare solo la componente adiposa.

Si tratta di una vera e propria ricerca clinica focalizzata sui diversi compartimenti corporei, come l'acqua corporea totale, acqua intra- ed extra-cellulare, massa grassa, massa magra, minerali totali, massa metabolicamente attiva.

Qui di seguito sono elencati alcune delle principali metodiche per una corretta valutazione della composizione corporea, messe a vostra disposizione:

 
  • BIVA
  • Plicometria
  • Calorimetria indiretta
  • Holter metabolico